Tik Tok blocca la #auschwitzchallenge, il terribile trend sulle vittime dell’Olocausto

Tik Tok è celebre per i suoi trend: in questi giorni ad attirare l'attenzione è stata la #auschwitzchallenge, tra polemiche e indignazione.2 min


0
10 shares
Auschwitz

La piattaforma di Tik Tok è celebre per le numerose challenge che propone agli iscritti. In questi giorni ad attirare l’attenzione, non certo per il nobile intento, è stata la #auschwitzchallenge.

Tantissimi utenti, soprattutto giovanissimi, hanno cominciato a pubblicare video con questo hashtag. Peccato però che lo scopo non sia quello di rendere omaggio o ricordare le vittime dell’Olocausto, ma di “recitare” la parte dei prigionieri di Auschwitz.

In molti dei video pubblicati, ragazzi e ragazze hanno fatto la loro apparizione con finti ematomi e filtri in bianco e nero. In alcuni casi hanno persino indossato magliette a righe, per simulare le “divise” che gli ebrei erano costretti ad indossare nei lager.

Sebbene i brevi filmati siano stati condivisi dagli iscritti con le migliori intenzioni, il risultato della #auschwitzchallenge è stato solo di cattivo gusto. La pubblicazione dei video ha provocato infatti polemiche e indignazione tra utenti in rete, che hanno visto nelle clip solo un’occasione per ottenere qualche like in più.

Ad intervenire è stato addirittura l’account Twitter dell’Auschwitz Memorial, che ha pubblicato una lettera accompagnata dalle parole: “Il trend delle “vittime” su Tik Tok può essere dannoso e offensivo. Alcuni video sono pericolosamente vicini o già oltre il confine di banalizzazione della storia. Ma dovremmo è necessario parlarne, non per svergognare e attaccare i giovani le cui motivazioni sembrano molto diverse. È una sfida educativa”.

Ovviamente il tweet del Museo ha trovato sostegno nei follower. Un ragazzo ha risposto commentando: “Non voglio sapere come fermare o zittire il trend, forse andrebbe semplicemente ignorato. Quello che so è che dovete continuare a fare quello che fate, raccontare la storia di coloro che non possono più farlo. Educate le nostre nuove generazioni, nella speranza che qualcuno ascolti una storia che deve essere raccontata”.

Un altro utente invece ha scritto: “Il mio disprezzo per Tik Tok cresce ogni giorno di più. Capisco che questo tipo di cose accadrà su qualsiasi social media: qualcuno inizia e poi tutti gli altri vanno dietro come pecore, perché vogliono la stessa popolarità”.

La challenge non è passata inosservata neanche ai piani alti di Tik Tok, che proprio negli ultimi giorni ha rimosso tutti i video con l’hashtag #auschwitzchallenge. Sulla piattaforma sono ancora presenti tutte le clip dedicate alla Giornata della Memoria, che ricordano le vittime in maniera sicuramente più rispettosa e corretta.

Il post dell’Auschwitz Memorial. Fonte: Twitter

Crediti immagini: Twitter.


Like it? Share with your friends!

0
10 shares

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *