Come diventare food influencer

Diventare food influencer significa rendere un lavoro la passione per il buon cibo e la cucina, diventando popolari su Instagram e non solo.2 min


0
4 shares
food influencer
food influencer

Diventare food influencer è il sogno di tantissime persone che vorrebbero prendere la passione per il buon cibo e la cucina un lavoro. Questa figura è l’evoluzione dei food blogger, nati negli Stati Uniti nel 1997. Il termine fu coniato unendo la parola “food”, ossia cibo, con “blog”, che indica un diario sul web. Il primissimo blog si chiamava Chow ed era una piattaforma virtuale in cui scambiarsi opinioni su dove andare a mangiare.

Come diventare food influencer: regole e trucchi

Nel corso degli anni la figura del food blogger si è evoluta e con l’avvento dei social network – e in particolare di Instagram – si è trasformata. Il social delle foto ha offerto la possibilità di raccontare ancora meglio ricette e piatti aprendo la strada a nuove professioni come quella del food influencer. Ma come rendere lavoro un semplice hobby? Esistono alcuni consigli e regole da seguire per raggiungere il successo.

  • Le foto – Quando di parla di food influencer il nodo centrale è solo uno: le foto. Devono attirare l’attenzione, far venire voglia di mangiare e scoprire qualcosa di più sulla ricetta. Il profilo di un influencer deve essere curato nei minimi dettagli, scegliendo scatti di alti che accendano la curiosità, facciano leva sulla golosità degli utenti. I filtri e Photoshop di sicuro possono aiutare, ma meglio usare un’attrezzatura professionale e creare una scenografia.
  • La scenografia – Non basta fotografare il piatto, il food influencer fa molto di più, creando un set fotografico. La ricetta non basta ad attirare l’attenzione, nonostante sia protagonista assoluta. Intorno però va creata una scenografia che racconti quel piatto, l’atmosfera che si respira mentre si cucina, ciò che ricorda e le sensazioni che suscita.
  • L’engagement – Questo strumento è fondamentale per tutti gli influencer, ma soprattutto per quelli che di occupano di food. Il successo è legato anche al “saper fare rete”, creare rapporti con la community, intavolare discussioni con i follower e un rapporto di fiducia con i propri seguaci. Solo in questo modo gli utenti possono affezionarsi ai contenuti proposti e, di conseguenza, aumentare l’affidabilità dell’influencer. Si tratta di una regola che vale anche per il settore della moda e travel.

Like it? Share with your friends!

0
4 shares

One Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *